benvenuto     manifestazioni     storia     fotografie     notizie   
Benvenuto


C'è stato un tempo, un tempo lontano, nel quale le strade della vecchia Europa erano popolate di pellegrini che viaggiavano a piedi, recando con sŔ poche cose e il desiderio di conoscere realtÓ nuove e nuovi ideali.
In quel Medioevo molto meno oscuro di quanto oggi si creda, l'unitÓ della cultura europea era assicurata proprio da questo movimento di uomini e di idee che percorreva, come la linfa percorre una pianta, le contrade del nostro continente.
Da Santiago di Compostela a Bologna, da Salisburgo a Trento, da Oxford a Salamanca i destini dei popoli d'Occidente si intrecciavano cosi lungo interminabili strade bianche: bianche di polvere in estate; bianche d'inverno per una neve che ancora non conosceva la contaminazione delle piogge acide.
Per questo l'ospitalitÓ era considerata sacra e la disponibilitÓ ad accogliere i viandanti ed i pellegrini era la condizione necessaria per continuare a far scorrere la linfa della vecchia Europa, di un continente che ha insegnato al mondo la grandezza dell'uomo e la sua voglia intrinseca di libertà.
Centri di grande ospitalità furono chiese e conventi disseminati lungo le grandi vie sacre. Anche a Piedicastello esisteva sin dal milleduecento un insediamento benedettino, localizzato proprio nella piazzetta di Sant'Apollinare.
L'attuale chiesa era la chiesa dell'abbazia, collegata da un chiostro che occupava buona parte della piazzetta stessa, al corpo dell'abbazia. Essa sorgeva dove ora Ŕ collocata l'attuale canonica, come testimonia la bellissima bifora che si pu˛ ammirare nella facciata volta a nord.

I monaci benedettini, provenienti dalla matrice di Vallalta presso Bergamo, usavano aprire una volta all'anno le porte dell'abbazia per offrire una cena frugale agli abitanti della zona, simbolo di condivisione, di ospitalità e di apertura. Da qui nasce la tradizione che il Comitato "in Dextera Athesis" ha voluto far rivivere, facendone di volta in volta un punto di incontro tra uomini e culture diverse, nella convinzione di rendere, in questo modo, un servizio a tutta la comunitÓ cittadina.


Comitato in Dextera Athesis - Piazza S.Apollinare, 3 - 38100 TRENTO